Cannavaro: «Champions? Il girone non è scontato»

in

NAPOLI, 2 settembre - "Il girone Champions mi piace, l'esito non è scontato". Paolo Cannavaro lancia la carica. Il fascino dell'Europa dei campioni stimola la fantasia e moltiplica l'adrenalina. Il capitano azzurro, ai microfoni di Radio Marte, mostra quanto entusiasmo ci sia nel gruppo a pochi giorni dall'inizio della stagione. "Stiamo facendo tanto lavoro in questo periodo e voglia di affrontare una gara ufficiale è molta. Non vediamo l'ora di giocare e siamo consapevoli che da qui a Natale avremo un calendario difficile ma anche di grande fascino. Era quello che volevamo, una stagione intensa ed affascinante. Adesso vogliamo dare il massimo. La Società ha fatto un grandissimo mercato, ha dimostrato di dare seguito al progetto con fatti concreti ed è giusto che il Napoli abbia una buona considerazione nel giudizio generale. Ripetere o migliorare il campionato passato sarebbe straordinario, anche perché si sono rinforzate molte squadre, ma noi ci siamo e lotteremo fino alla fine. Bisogna sempre ambire a puntare in alto. Siamo consapevoli che quest'anno avremo molte aspettative e cresceranno anche le responsabilità. Ma ci piace avere questo tipo di responsabilità".


SERIE A E CHAMPIONS, CE LA GIOCHIAMO CON TUTTI - In difesa sono arrivati due nuovi argentini..."Il Napoli quando acquista giocatori valuta anche l'aspetto umano. Fernandez ha 19 anni ma ha grande personalità, sono certo che potrà dire la sua perché ha tanta qualità. Di certo qui c'è un gruppo che fa sentire a proprio agio chiunque arrivi e sono certo che anche Fideleff si troverà bene". Il Girone Champions del Napoli è stato definito il "gruppo di ferro"..."Personalmente penso che sia meglio affrontare squadre di grande livello. E' un girone difficile ma l'esito non è affatto scontato. Noi siamo arrivati terzi nel campionato italiano, quindi non è un caso se siamo lì. Io preferisco un girone di grande equilibrio e come me la pensano tanti ragazzi nello spogliatoio. Ci siamo e ce la giochiamo con tutti"


DZEKO, NILMAR E ROBBEN FANNO PAURA - Quale attaccante temi di più tra le avversarie del girone? "Beh avremo tanti campioni di fronte, però io ho già marcato Dzeko in passato in amichevole al San Paolo e devo dire che è impressionante. Ecco se dovessi scegliere un avversario da evitare direi Dzeko. Ma se guardo alle altre squadre dico che Nilmar è velocissimo e Robben è uno che salta sempre l'uomo nell'uno contro uno. Credo che nel suo ruolo sia il più forte e lo metto sopra a tutti". Ed il quartetto Cavani-Lavezzi-Hamsik-Pandev a che posto lo metti? "Credo che sia molto competitivo. Nel nostro quartetto c'è tutto: qualità e forza. Diciamo pure che ci siamo anche noi ed abbiamo un reparto offensivo di grande livello".


IL BARCELLONA UN ESEMPIO DA SEGUIRE - Che esperienza è stata la partita di Barcellona? "Io penso che il Barcellona attualmente possa fare 4-5 gol a tutti. Quello che mi ha colpito non è stato tanto la tecnica che è enorme, ma la grinta ed il carattere. Credo che quello sia un esempio da seguire: la determinazione con la quale hanno affrontato anche un trofeo amichevole. Ecco, questo dobbiamo apprendere, la voglia di vincere sempre che hanno i grandi campioni". Infine un saluto al popolo azzurro. "I nostri tifosi non hanno nulla più da dimostrare. Sono venuti in trentamila all'allenamento in un pomeriggio di agosto. Credo che sono cose che da nessuna parte accadrebbero mai. Il nostro pubblico è stupendo ed io dico grazie a tutti sperando di poter ricambiare con grandi soddisfazioni questo affetto enorme".


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160