Caceres: «Juve, vinciamo». Marotta: Rinforzi di qualità

in

TORINO - Martin Caceres si presenta ai tifosi della Juve. Lo fa nella conferenza stampa in cui il dg della Juve, Beppe Marotta, esalta gli ultimi acquisti bianconeri. Per l'uruguaiano si tratta di un gradito ritorno in maglia bianconera anche se i compagni con cui avrà a che fare sono tutti diversi rispetto al passato: «È così, ci sono solo 5 giocatori che c'erano anche allora. Per me rappresenta una sfida dimostrare qui quanto valgo. Voglio vincere il campionato e, perchè no, poi anche la Champions». Caceres indosserà sulle sue spalle la maglia n° 4, un numero speciale, che è stato sulle spalle di un altro uruguaiano come lui. Montero: «Certamente rappresenta un orgoglio ma anche una responsabilità. Spero di fare del mio meglio per rendere felici i tifosi come ha fatto lui». I tifosi si chiedono quando Martin potrà essere in campo. Il transfer dovrebbe arrivare in tempo per la gara contro il Siena: «Fisicamente sto molto bene, mi sto già allenando qui da una settimana. Dipende tutto da quello che decide il mister». Per quanto riguarda il ruolo Caceres fa chiarezza: «Non fa differenza, l'importante è giocare. Se devo proprio scegliere mi piace di più fare il centrale, ma non importa».


LE PAROLE DI MAROTTA - 
«Nella finestra di mercato abbiamo voluto attuare delle operazioni che andassero a rafforzare qualitativamente il valore della rosa». Così Beppe Marotta fa il punto sul mercato della Juve. Il dg bianconero conferma: «Non dovrebbero esserci problemi con il trasfert di Caceres. Dovrebbe essere disponibile già dalla partita con il Siena». Poi, in chiusura, è arrivata la frecciata alla Lega Calcio dopo il rinvio per neve della sfida contro il Parma: «La Lega è in grado di valutare uniformemente le condizioni di praticabilità dei campi. In questi giorni si è registrato un forte disagio, con strutture non in grado di accogliere uno spettacolo. Mi auguro che l'anno prossimo si valutino i calendari con più attenzione».


LA GIOIA DI PADOIN - 
«Vengo qui in punta di piedi e ringrazio Antonio Conte che ha avuto una parte importante nel mio trasferimento a Torino». Si presenta così Simone Padoin, l'ultimo arrivo della Juventus nel mercato invernale. Inevitabile come la parola del tecnico bianconero abbia avuto una discreta rilevanza nella scelta dell'acquisto del centrocampista: «Conte ha influito tanto nella scelta. Ha sempre avuto un modo di giocare ben preciso. La Juve ha uno spirito incredibile, simile a quello che aveva il mister quando giocava. Quando ci ho giocato contro quest'anno mi sono reso conto della grande organizzazione di gioco. Le nostre strade ora si sono riunite, sta a me dimostrare che merito questa opportunità». Quando ha saputo della possibilità Juve?: «Due giorni fa ho saputo dell'interessamento. È stata una sorpresa incredibile, una grandissima emozione. Tutti i bambini sognano un giorno di indossare una maglia così importante. Ringrazio tutti all'Atalanta, perchè mi hanno permesso di realizzare il mio sogno. Vengo qui in punta di piedi, con molta umiltà». In chiusura Padoin spiega le sue caratteristiche: «Sono un giocatore che predilige recuperare palloni, ma so anche inserirmi. Sono abbastanza simile a Vidal. Io come Conte, dalla provincia alla Juve? Magari. Ma penso anche a Nocerino. Se un giocatore viene con la giusta mentalità in una squadra forte può fare bene. Spero di dare grandi soddisfazione tifosi».


Fonte: 

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160