Buffon: «Non ci voleva». Pirlo e Matri: «Che schifo»

in

FIRENZE, 1 giugno - Choc, stupore e tanta voglia di capire. La notizia dell'arresto di Beppe Signori e altre 15 persone, tra cui giocatori e dirigenti delle serie minori, è arrivata stamattina nel ritiro della Nazionale come un vero e proprio fulmine. Alcuni tra magazzinieri e rappresentanti dello storico staff chiedevano informazioni sulla situazione dell'ex attaccante della Lazio e della Nazionale, e in generale oltre allo stupore c'era molta cautela. «Decisamente non ci voleva, in questo momento - ha detto Gigi Buffon, capitano della Nazionale - ora però aspettiamo. Finchè non si sa qualcosa di più definitivo, non è il caso di dare giudizi».


PIRLO E MATRI - «Uno schifo». Lo sussurra piano, Andrea Pirlo, regista della Juventus e della nazionale a chi gli chiede dell'inchiesta su partite pilotate e scommesse nel calcio italiano che ha portato agli arresti 16 persone tra cui Beppe Signori. «Non so molto, ci stiamo informando - ha aggiunto l'attaccante Matri - ma se davvero davano dei calmanti ai giocatori per far calare le prestazioni, questo è uno schifo, davvero uno schifo».




Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160