Behrami e Cerci su Twitter: «Addio Gila, che tristezza»

in

FIRENZE - Clima pesante dentro e attorno alla Fiorentina per la partenza di Alberto Gilardino che stamani ha effettuato le visite mediche con il Genoa. Valon Behrami, sul suo profilo Twitter, ha scritto: «Mi hanno portato via il bomber, che tristezza. In bocca al lupo campione, grazie di tutto». Pure Alessio Cerci sempre su Twitter s'è detto «dispiaciuto. È stato un onore aver giocato al tuo fianco, in bocca al lupo bomber». La cessione dell'attaccante, arrivato a Firenze nel 2008, immetterà nelle casse societarie bisognose d'ossigeno 8 milioni di euro, tuttavia nell'ambiente viola sono palpabili delusione e perplessità, si temono un ridimensionamento malgrado le rassicurazioni del club ma soprattutto di rischiare la stessa fine della Sampdoria nella scorsa stagione iniziata coi preliminari Champions e terminata con la B dopo aver venduto a gennaio Pazzini e Cassano. «Prima di cedere un attaccante che in carriera ha fatto più di 200 gol ci avrei pensato due volte - ha osservato il presidente del Centro di coordinamento viola club Filippo Pucci riferendosi a Gilardino - Spero non sia un segnale di smobilitazione».


SILVA RIMANDA IL RIENTRO - Per l'ex ds viola Oreste Cinquini, intervenuto a Radio Toscana, «ci sono diversi segnali che fanno credere che i Della Valle vogliano arrivare alla vendita della società. Hanno fatto benissimo nei primi anni ma forse poi non hanno trovato il riscontro che volevano in città». Sui vari social network i tifosi paiono divisi: c'è chi contando i suoi pochi gol nel 2011 non rimpiange la partenza di Gilardino definendolo «un altro pezzo d'antiquariato», chi sollecita il ds Corvino ad andar via, chi fa la conta dei tanti giocatori importanti ceduti negli ultimi tre anni a fronte di acquisti che non si sono rivelati funzionali compresi i recenti Munari, Kharja e Santiago Silva: quest'ultimo, a differenza di Vargas e Neto presentatisi oggi al campo dopo le vacanze in Sudamerica, ha inviato un certificato medico per spiegare di essere rimasto in Uruguay per un attacco febbrile. In realtà l'attaccante, che finora non ha convinto, è sulla lista dei partenti (c'è la sua ex squadra, il Velez, in pressing) tanto che difficilmente a questo punto rientrerà in Italia. In bilico pure Lajic: dal suo entourage hanno fatto sapere che la prossima settimana ci sarà un incontro coi viola per discutere del futuro del giovane serbo accostato a Torino, Samp e Bologna ribadendo comunque che la sua volontà è restare a Firenze.


Fonte: 

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160