Beach Soccer: Serie A Enel nel segno di Milano

Il campionato di beach soccer targato Figc-Lega Nazionale Dilettanti

Si tinge di rossonero la tappa di Lignano Sabbiadoro della Serie A Enel, il campionato di beach soccer targato Figc-Lega Nazionale Dilettanti. Sono i colori del Milano capolista solitario del girone Nord (7 vittorie su altrettante partite) che conquista tre punti fondamentali anche contro la rivale più accreditata per la leadership nella fase di qualificazione: il Cervia dei brasiliani Ddì e Juninho. Ma contro i lombardi (ormai matematicamente qualificati alla poule scudetto) i loro colpi di genio non sono bastati perché tra le fila dei vincitori della Coppa Italia Enel 2009 ci sono altri splendidi interpreti di questa disciplina come le stelle carioca Bruno e Benjamin e gli assi spagnoli Nico e Amarelle. Proprio il capitano delle “furie rosse” si è dimostrato un grande campione prendendo la squadra per mano durante la gara contro romagnoli, nonostante un infortunio al viso (perdeva sangue dal viso a causa di un taglio provocato da uno scontro di gioco), segnando una tripletta decisiva. Ad inseguire ci sono poi i Cavalieri del Mare Viareggio, che affronteranno a San Benedetto del Tronto proprio il Milano nell’ultima partita in calendario prima delle finali scudetto. Ma la concomitante sconfitta di Mare di Roma con la vittoria della Coil Lignano Sabbiadoro ha già mietuto la prima vittima illustre del campionato 2009: i romani di mister De Celis. Rivelazione dello scorso anno, il Mare di Roma non è riuscito a ripetersi in questa stagione nonostante gli innesti, proprio nella tappa friulana, degli altri due spagnoli Juanma e Aleandro. Ad aumentare il rammarico dei capitolini, matematicamente esclusi dalla poule scudetto, c’è il fatto che il calendario prevede dal 14 al 16 agosto le finali tricolori proprio sulla spiaggia di Ostia. Il derby friulano se l’è aggiudicato la Coil di mister Della Negra che ha superato con un secco 3-0 la Friulpesca del giovane promettente Ietri. In una gara orfana di bomber Esposito, costretto alla tribuna da un leggero infortunio, ed avara di emozioni a ripetizioni le reti della Coil sono state splendide e portano la firma di Ze Maria (doppietta) e Sguazzin. Nella gara che ha aperto il programma odierno, invece, è successo veramente di tutto: l’Alma Juventus Fano ha il merito di mantenere in bilico il risultato contro i Cavalieri del Mare Viareggio fino a 4’ dal termine; la punta marchigiana Donini ha segnato addirittura quattro gol, come la stella portoghese Madjer, il portiere del Fano ha trafitto la porta avversaria con un bolide direttamente dalla propria area. Ma a conti fatti il gioco più elettrizzante e la classe sublime dei viareggini, con la loro colonia lusitana composta da Alan, Belchior e Madjer, hanno avuto la meglio piegando le velleità del team di Patrignani in una manciata di minuti. La Sambenedettese, infine, ha vinto perentoriamente la gara che l’ha vista contrapposta al Patavium. I marchigiani sono riusciti a muovere la classifica, portandosi a quota 6 grazie ad un buon gioco di squadra ed ai gol di Poli. Ora l’obiettivo è puntato alla tappa da giocare in casa a San Benedetto del Tronto dal 23 al 26 luglio quando tenterà di salire ulteriormente e regalare un po’ di soddisfazioni ai propri tifosi.
Per chi non si è accontentato dello spettacolo all’interno della beach arena il divertimento è stato garantito anche nell’adiacente villaggio commerciale nel quale tutti in fans si sono potuti intrattenere con l’animazione di Agos, di LG, di Acqua Dolomia, delle patatine Pai, di e-Work, di Kenwood e di Top Secret che ha messo in palio un viaggio per due persone a Londra a chi avesse vinto il gioco “Dove è Gino?”. Nell’intero week-end, inoltre, stati distribuiti una quantità incredibile di gadgets delle aziende partner del beach soccer 2009: Enel, Agos, LG, Buonitalia, E-Work, MSC, Pai, Kenwood, Pepsi, Dolomia, Punto Sma, Diana T, Delta, Top Secret, Timex, Italtelo, Lipton, Gatorade, Corriere dello Sport, Tuttosport, Molten, Radio Kiss Kiss, Sky Sport e Coil - Porte Automatiche Industriali, Estrima Birò, Action Group Communication, Sammontana, Graphistudio, Bluenergy Group e Autosystem a livello locale. Così in tv – Le partite della tappa di Lignano Sabbiadoro della Serie A Enel saranno trasmesse da Sky Sport 1 sabato 11 luglio alle ore 21.

NAZIONALE ITALIANA - A soli quattro giorni dal week-end di gare della Serie A Enel, svoltosi a Lignano Sabbiadoro dal 2 al 5 luglio, la cittadina friulana tornerà protagonista con un altro fine settimana (dal 9 al 12 luglio) di grande spettacolo con il primo appuntamento della regular phase della Euro Beach Soccer League 2009, il campionato europeo a tappe. In corsa c’è anche l’Italia di Giancarlo Magrini che prende il via in questa competizione con grandi attese: gli azzurri, infatti, partiti in sordina nel primo evento stagionale, l’Eurocup disputata a Roma e chiusa all’ultimo posto, si sono ampiamente riscattati a giugno nel Fifa Qualifier europeo giocato a Castellon, in Spagna. Al termine di un torneo spettacolare che vedeva in campo 26 Nazionali, i ragazzi guidati dal Ct Giancarlo Magrini hanno infatti chiuso al quinto posto, dietro Spagna, Russia, Svizzera e Portogallo, strappando l’ultimo biglietto disponibile per la Coppa del Mondo Fifa prevista dal 16 al 22 novembre a Dubai. A Lignano sarà ancora una volta la coppia Carotenuto – Pasquali a guidare l’Italia, squadra che conta comunque un collettivo super: Spada e Del Mestre tra i pali, Leghissa e D’Amico in retroguardia, Corosiniti, Pasquali, Palmacci e Sguazzin laterali, Carotenuto e Esposito in attacco. In attesa del rientro di Feudi (ristabilitosi dopo l’infortunio), rispetto a Castellon, dove la rosa era di 12 calciatori, turno di riposo per Platania, Forte, Borbone e Maradona jr., con il rientro di D’Amico e di Esposito, ex di Lazio, Napoli e Brescia. CONVOCATI - Portieri: Stefano Spada (Terranova Terracina), Simone Del Mestre (Coil Lignano Sabbiadoro); Difensori: Michele Leghissa (Cavalieri del Mare Viareggio), Angelo D’Amico (Terranova Terracina); Esterni: Roberto Pasquali (Terranova Terracina), Marco Sguazzin (Coil Lignano Sabbiadoro), Francesco Corosiniti (Panarea Ecosystem), Paolo Palmacci (Terranova Terracina); Attaccanti: Massimiliano Esposito (Coil Lignano Sabbiadoro), Pasquale Carotenuto (Cavalieri del Mare Viareggio); Staff. Capo delegazione: Alberto Mambelli. Commissario Tecnico: Giancarlo Magrini. Team Manager: Ferdinando Arcopinto. Segretario: Alberto Branchesi. Medico: Fabio Muzi. Fisioterapista: Giacomo Anibaldi. Magazziniere: Sandro Della Pelle.

Le gare

Coil Lignano Sabbiadoro – Friulpesca Lignano Sabbiadoro 3-0 (0–0, 2–0, 1-0)
Coil: Fabro, Torres, Sguazzin, Buso, Dri, Longo, Sousa, Zè Maria, Panfili, Del Mestre. All. Della Negra.
Friulpesca: De Agostini C., Don, Pantanali, De Agostini A., Berlasso, Ietri, Barone, Rodrigues, Del Fabbro C. All. Del Fabbro M.
Arbitri: Bonavita e Valgiusti di Forlì.
Marcatori: nel st 4' Zè Maria (C), 6' Sguazzin (C), nel tt 1' Zè Maria (C),
Note: Espulso: Pantanali Ammoniti: Barone (F).
Coil vincente nella giornata conclusiva della Tappa di Lignano Sabbiadoro, con un rotondo 3-0 nei confronti dei cugini della Friulpesca. In occasione del derbyssimo friulano di questa seconda tappa della Serie A Enel di Beach Soccer, la Coil si presenta all'impegno senza il bomber Massimiliano Esposito, che lamenta un dolore all'inserzione della coscia: senza la sua punta di diamante, mister Della Negra dà fiducia ad Alberto Panfili, mentre la Friulpesca fa scendere in campo la solita formazione quadrata, con i giovani Ietri e Barone a costituire i principali pericoli. La prima emozione arriva dopo tre minuti, con un siluro di Torres che però finisce alto.Al coro si uniscono anche gli altri due portoghesi, Sousa e Zè Maria, che triangolano bene al 4', ma si vedono negato il gol da De Agostini. La tensione del derby mantiene le reti inviolate: al settimo un rimpallo favorisce Torres, che ci prova di nuovo ma spara ancora alto. La Friulpesca non riesce ad andare in profondità, ed a fare il gioco nel primo tempo è quasi sempre la formazione di mister Della Negra, ma in compenso Berlasso e compagni confermano la loro nomea di squadra tignosa e competitiva al massimo. Quando manca un minuto alla fine del primo tempo Del Mestre viene impegnato seriamente per la prima volta, con un tiro di Don che viene smanacciato dal portiere: sulla ribattuta, Marcuzzi piomba come un falco, ma la risposta dell'estremo difensore della Coil salva il risultato. Il primo sussulto del secondo tempo porta ancora il marchio portoghese: Zè Maria al 1' alza un bel pallone per Sousa, che però arriva in ritardo e non sfrutta l'occasione. Al secondo minuto è la volta della Friulpesca, con Ietri che smarca di tacco Berlasso, ma il giocatore di Del Fabbro non centra il bersaglio grosso. La partita si sblocca al 4' del secondo tempo, con Dri che alza un pallone per Zè Maria: il portoghese esegue una spettacolare rovesciata che trafigge il portiere della Friulpesca e fissa l'1-0 Coil. Al sesto minuto Sguazzin, lanciato a rete, viene atterrato: è rigore per la Coil, che Sguazzin trasforma regalando il 2-0 alla sua squadra. La pioggia inizia a cadere sulla Beach Arena, ma le due squadre riescono comunque ad offrire un ottimo spettacolo: dopo otto minuti la Friulpesca prova la reazione con Barone, ma il suo destro secco non trova la rete. Nell'ultimo minuto Sousa ruba palla e tira a botta sicura, ma Pantanali esce fuori dalla propria area e tocca con la mano, facendosi espellere. Nell'ultimo tempo, dopo un minuto, è ancora Zè Maria a segnare: il portoghese fa partire una rasoiata che si infila nell'angolino basso della porta di Cesare De Agostini. Il 3-0 Coil non abbatte una Friulpesca sempre pronta a giocarsela fino in fondo, ma la qualità della Coil esce alla distanza, soprattutto con un Marco Sguazzin vivace in avanti. La Friulpesca ci prova con Ietri, che colpisce la traversa con una rovesciata su rimessa laterale di Don: il legno non permette ai ragazzi di Del Fabbro di sbloccarsi. Ci riprova ancora Don con un forte destro, ma Del Mestre si oppone efficacemente e devia in corner; una delle ultime emozioni della partita arriva con un rasoterra di Zè Maria al decimo minuto, che però finisce di poco fuori. Con questa vittoria la Coil mette una seria ipoteca sulla qualificazione alle finali, dato che il vantaggio sul Friulpesca sale a sei punti, con lo scontro diretto positivo.

*************************

Sambenedettese – Patavium 6-2 (2–1, 1–0, 3-1 )
Sambenedettese: D'Ambrogio, Ciarrocchi, Marranconi, De Amicis, Poli Russo, Rosa, Spina, Filiaggi, Valentini. All. Di Lorenzo
Patavium: Dal Corso, Cardaioli, Boscato, Masiero, Garioni, Gaggio, Romrig, Nicoletti, Weiher, Covi. All. Gallato
Arbitri: Zelli di Torre Annunziata e Gallotta di Salerno.
Marcatori: nel pt 2' Masiero (P), 2' De Amicis (S), 4' Poli (S), nel st 3' Poli (S), nel tt 2' Filiaggi (S), 2' Romrig (P), 3' aut. Cardaioli (S), 6' Russo (S).
Note: Ammoniti: Filiaggi (S), Gaggio (P).
Sambenettese che abbandona le zone basse della classifica, con il successo sul Patavium: prova di forza quella dei marchigiani, che vincono con il punteggio di 6-2. A passare in vantaggio per primo è il Patavium, che sfrutta un calcio piazzato di Masiero: 1-0 per i veneti, ma la reazione della Sambenedettese è rabbiosa. Sul calcio d'inizio, infatti, Poli scodella un pallone invitante sull'out di sinistra per De Amicis, che immediatamente riporta la situazione in equilibrio. L'inerzia passa nelle mani dei marchigiani, che al quarto minuto di gioco trovano il raddoppio: a siglarlo è Poli, che travolge la difesa patavina, scarta due avversari ed anche il portiere, depositando in rete il pallone del 2-1. Il giocatore di Di Lorenzo è protagonista assoluto, visto che al 5' prova una rovesciata, che però colpisce la parte alta della traversa: Padova cerca di riproporsi in avanti con i suoi giocatori, ma la grinta della Sambenedettese argina ottimamente le manovre venete. Nel secondo tempo dopo tre minuti va ancora in gol Fabio Poli grazie ad un suggerimento di Ciarrocchi dalla destra, per il 3-1 Samb. La partita si fa piuttosto statica, senza grandi emozioni in questa frazione: parecchi tiri da lontano e portieri scarsamente impegnati, pure se all'ottavo minuto un siluro di Marranconi finisce ad un soffio dal palo della porta difesa da Dal Corso. Padova ci prova con Gaggio da lontano, ma il suo tiro viene deviato da un difensore, a due minuti dalla fine del secondo tempo. Dopo un minuto dall'inizio dell'ultima frazione, Filiaggi si libera bene con un dribbling secco, ma viene steso: è punizione per il giovane giocatore marchigiano, ma Dal Corso devia in corner. Sul ribaltamento di fronte Cardaioli ci prova per due volte a botta sicura, ma la difesa della Samb è un fortino e non lascia uno spiraglio alle conclusioni patavine. A siglare il 4-1 è Daniele Filiaggi: il '91 della Sambenettese scocca un sinistro dalla sua metà campo che finisce nel sette: la risposta del Patavium arriva sul calcio d'inizio con Romrig, che infila Spina con una rasoiata delle sue. La sfortuna, però, beffa il Patavium, che dopo un minuto appena trova una sfortunata autorete, con Cardaioli che devia il pallone alle spalle del suo estremo difensore, per il 5-2 Samb. Al quinto minuto Filiaggi si fa ammonire per un fallo su Masiero, che però calcia a lato; gol sbagliato? Gol subito, con Russo che viene smarcato perfettamente da Filiaggi e mette in rete il 6-2. La Sambenettese difende bene il risultato, pure se il Patavium gioca a viso aperto: Masiero al decimo si mangia un pò di metri di campo e spara un destro, che finisce di poco a lato. Le emozioni si esauriscono qui, con il fischio finale degli arbitri che regala la vittoria, meritata, agli uomini di Di Lorenzo.

*************************

Cervia – Milano 3–4 (1–3, 1–0, 1–1)
Cervia: Pagani, Staffa, Dado, Livon, Ianni, Juninho, Neumann, Ddì, Di Marco, Della Torre. All. Sabalino.
Milano: Zanini, Casarsa, Bruno, Nico, Ahmed, Amarelle, Ghilardi, Benjamin, Alvaro, Fumagalli. All. Panizza.
Arbitri: Anania di Paola e Alessio di Udine.
Marcatori: nel pt 4’ Amarelle (M), 6’ Bruno (M), 6’ Ddì (C), 7’ Amarelle (M), nel st 8’ Neumann (C), nel tt 8’ Amarelle (M), 10’ Dado (C)
La sfida del momento, Cervia-Milano, non delude di certo le aspettative. Partono con il piede pigiato sull’acceleratore i lombardi con Bejamin e Amarelle che nel giro di 1’ impegnano Della Torre con due tiri ravvicinati, respinti da campione proprio dall’estremo difensore romagnolo. Per il gol del vantaggio ci pensa al 4’ uno strepitoso Amarelle che, largo sulla destra, si porta il pallone sul sinistro, si accentra e lascia partire un missile terra-aria che s’infila sotto l’incrocio dei pali. Al 6’ ennesima prova di forza del Milano che segna anche la seconda rete con la stella carioca Bruno che scaglia una sassata precisa nella porta cervese. Immediata però la replica del Cervia con la stella brasiliana Ddì che s’inventa un gol dai 25 metri, subito vanificato da Amarelle che su punizione trafigge ancora Della Torre. A questo punto il ritmo della gara cala ed inizia una fase di studio con accelerazioni improvvise. Come quella di Juninho all’11’ che, servito da DDì bravo nel recuperare il pallone su un errore di Nico in fase di impostazione, calcia a lato in diagonale dalla fascia destra. Ad inizio ripresa il Cervia sfiora la marcatura con il solito DDì che ci mette la punta del piede, deviando una punizione battuta dalla propria metà campo, ma Zanini dimostra di avere degli ottimi riflessi. Ancora i romagnoli con Juninho al 3’ che si alza il pallone e calcia di prima sotto l’incrocio obbligando il portiere milanese al miracolo. Il Milano si riporta in avanti con Ahmed al 5’ con un calcio di punizione dalla trequarti respinta con i pugni da Pagani, subentrato a Della Torre dal 1’ del secondo tempo. I romagnoli sfiorano per il pari poco dopo quando Ddì colpisce l’incrocio dei pali con un tiro incredibile da metà campo. La pressione dei romagnoli viene ripagata all’8’ con un tiro di piatto destro preciso che trova impreparato Alvaro, subentrato a Zanini. L’ultima frazione si apre con due conclusioni di Amarelle che non inquadrano lo specchio della porta di pochissimo. Ancora Milano al 4’ con Fumagalli che, servito da Benjamin, s’incarica del tiro deviato in tuffo da Della Torre, poi Amarelle al 7’ incornicia una prestazione superlativa con un gol eccezionale al volo di destro all’8’. Dopo 2’ un’azione travolgente dei rossoneri si conclude con una traversa colpita da Bruno e sul capovolgimento di fronte Dado accorcia le distanze per il cervia con un colpo di testa che sorprende Zanini, fuori dai pali di qualche metro.

*************************

Casinò di Venezia – Mare di Roma 6–2 (2–0, 3–0, 1–2)
Casinò di Venezia: Gatto, Gambin, Medaglia, Toffolo, Da Lio, Parolari, Bressan, Seghetto, Montrone, Caorlini. All. Collauto.
Mare di Roma: Szucs, Quadrini, Caretto, Saba, C. Torres, Juanma, Tamagnini, J. Torres, Scriva, Sabatino. All. De Celis.
Arbitri: Cresi di Nocera Inferiore e Buscema di Udine.
Marcatori: nel pt 2’ Toffolo (V), 12’ Da Lio (V), nel st 1’ Toffolo (V), 2’ Caorlini (V), 6’ Da Lio (V), nel tt 6’ C. Torres (M), 7’ Caorlini (V), 7’ J. Torres (M).
Note: Ammoniti: J. Torres, Tamagnini, C. Torres (M), Medaglia (V).
Partenza lanciata del Casinò di Venezia che passa subito con Toffolo che dal limite brucia Szuvs con un tiro preciso ed efficace. Mare di Roma si riversa in avanti ma prima Javier Torres e poi Juanma si vedono ribattere le loro conclusioni vicino alla linea di porta. Ma al 6’ è sempre il capitano dei veneziani a sfiorare la marcatura con un destro di prima intenzione che scheggia il palo alla sinistra del portiere romano. Poco dopo Parolari ruba palla a Cristian Torres al limite dell’area capitolina e calcia sicuro sul corpo di Szucs che riesce a respingere. Javier Torres si guadagna al 10’ un calcio di punizione dalla trequarti sul quale si esalta Gatto che respinge con i pugni il bolide dello spagnolo, salvando il vantaggio dei lagunari che addirittura raddoppiano su calcio da fermo di Dalio che trova impreparato l’estremo difensore romano. Nella ripresa mister De Celis cambia il portiere ma il risultato non cambia, anzi se possibile peggiora, infatti, Quadrini si esibisce in un intervento quanto meno goffo che permette a Toffolo di firmare la sua doppietta personale. Casinò di Venezia dilaga al 2’ con Caorlini che gira al volo in rete un angolo battuto dalla destra di Mauro Bressan (ex Fiorentina). Ancora i lagunari in gol al 6’ con Da Lio che è lesto nel raccogliere la respinta di Quadrini su punizione del solito Toffolo. L’ultima frazione si apre con una punizione di Sabatino scoccata dal limite dell’area che esce di poco a lato. Al 3’ Cristian Torres si esibisce in un’acrobazia eccezionale, colpendo il palo alla sinistra dell’estremo difensore veneto. La pressione dei romani è premiata al 6’ al termine di un’azione rocambolesca conclsusasi con un tocco ravvicinato proprio dello spagnolo Cristian Torres. La parola fine su questo incontro la scrive Caorlini che segna in contropiede la sesta rete dei lagunari. Inutile, ma molto applaudita, la rovesciata di Javier Torres qualche secondo dopo che vale il 2-6.

*************************

Cavalieri del Mare Viareggio – Alma Juventus Fano 10-6 (3-3, 2-1, 5-2)
Cavalieri Del Mare Viareggio: Samsa, Leghissa, Galli, Fruzzetti G., Alan, Madjer, Carotenuto, Belchior, Fruzzetti F., Merola. All. Fruzzetti G.
Alma Juventus Fano: Fiorelli, Di Tommaso, Piccillo, Giuliani, Vampa, Fabbri, Maltoni, Dionisi, Patrignani A., Donini. All. Patrignani G.
Arbitri: Di Gaspero di Udine e Cecchin di Bassano del Grappa.
Marcatori: nel pt 1’ Donini (F), 3’ Madjer (V), 5’ Belchior (V), 8’ Donini (F), 10’ Belchior (V), 11’ Fiorelli (F), nel st 1’ Donini (F), 5’ Belchior (V), 9’ Madjer (V), nel tt 1’ Belchior (V), 2’ Leghissa (V), 5’ Donini (F), 6’ Fiorelli (F), 9’ Madjer (V), 10’ Belchior (V), 11’ Madjer (V).
Note: Espulsi: Fruzzetti F. al 12’ pt per proteste e Fruzzetti G. al 12’ tt per doppia ammonizione. Ammoniti: Carotenuto (V), Vampa (F).
Cavalieri del Mare di Viareggio come un diesel: contro la Juventus Fano i toscani hanno avuto una partenza lenta, per poi crescere durante l’incontro ed uscire alla distanza, disputando un terzo tempo da spettacolo, cavalcando il terzetto Alan-Belchior-Madjer. I marchigiani, però, escono a testa altissima dal match: Donini, autore di una tripletta personale, al primo minuto di gara ruba palla a Galli e firma lo 0-1. Madjer risponde al 3’ con il solito calcio piazzato, poi regala un pallone di platino a Belchior, bravo ad aggirare Vampa ed a mettere in rete il 2-1 al quinto. Fano rimane però in partita, ancora con Donini: da puro opportunista sfrutta un pallone sotto rete e lo mette in gol, per il 2-2. E’ un botta e risposta continuo, prima con Belchior che si procura e segna un rigore, poi con il portiere Fiorelli che prima della fine del primo tempo fissa il 3-3. La seconda frazione si apre con il vantaggio di Fano: è ancora Donini il protagonista, con un preciso destro dopo aver vinto un contrasto. I Cavalieri del Mare, però, hanno i loro assi nella manica che rispondono al nome di Madjer, Belchior ed Alan: al 5’ Belchior gira in rete di destro il pallone del pareggio, poi dopo poco scodella un assist per Madjer, che piazza il 5-4 all’incrocio dei pali. Fano si rende pericolosa con un bel pallonetto di Piccillo dalla sinistra, ma Merola è attento e devia in calcio d’angolo. E’ l’ultima frazione quella più scoppiettante: sul calcio d’inizio un ottimo schema tra Alan, Madjer e Belchior manda in rete quest’ultimo, che sigla il 4-6 nell’angolino basso. Passano sessanta secondi e Leghissa schiaccia di testa il 4-7 su corner di Alan. Fano non ci sta a perdere e, prima con la girata di Donini al 5’, poi con un siluro del “portiere-bomber” Fiorelli dopo un minuto, si porta sotto di una rete: sembra tutto riaperto, ma in tre minuti i Cavalieri del Mare Viareggio chiudono il match grazie alla trazione anteriore portoghese Alan-Madjer-Belchior. Al 9’ è Madjer ad andare in gol, al 10’ Belchior si alza il pallone e confeziona una rovesciata meravigliosa che finisce in gol e ad un minuto dalla fine arriva il coronamento del successo viareggino, con la combinazione aerea Alan-Belchior-Madjer che si conclude con la spettacolare rovesciata di quest’ultimo. Viareggio che conferma la qualità del suo gruppo, mentre Fano esce sconfitta ma comunque a testa altissima, vista la prestazione di un gruppo solido e quadrato.

*************************
Classifica marcatori
17 reti: Madjer (Viareggio);
16 reti: Ddì (Cervia);
11 reti: J. Torres (Mare di Roma), Bruno (Milano), Belchior (Viareggio);
9 reti: Ietri (Friulpesca L.), Toffolo (Casinò di Venezia), Amarelle (Milano);
8 reti: Cesca (Casinò di Venezia), Juninho (Cervia), Alan (Viareggio);
7 reti: Esposito (Coil Lignano S.), Donini (Fano), Poli (Sambenedettese);
6 reti: C. Torres (Mare di Roma), Benjamin (Milano);
5 reti: Torres, Sguazzin (Coil Lignano S.), Maltoni (Fano), Triglione (Vasto);
4 reti: Soria (Cervia), Ze Maria (Coil Lignano S.), Marcuzzi (Friulpesca L.), Fumagalli (Milano), Covi (Patavium), Cardinali (Sambenedettese);
3 reti: Ballarin, Caorlini (Casinò di Venezia), Sousa (Coil Lignano S.), Ahmed, Casarsa, Nico (Milano), Romrig, Masiero (Patavium), Filiaggi (Sambenedettese), Muratore M., Basilico (Vasto), Leghissa (Viareggio);
2 reti: Ruzzene, Da Lio, Parolari (Casinò di Venezia), Staffa, Dado, Neumann (Cervia), Giuliani (Fano), Baroni (Friulpesca L.), Saba, Juanma, Sabatino (Mare di Roma), Gaggio, (Patavium), Pomponio (Vasto), Carotenuto (Viareggio);
1 rete: Montrone, Medaglia, Fabbri (Casinò di Venezia), Di Marco, Ianni (Cervia), Panfili, Drì, Longo, Buso (Coil Lignano S.), Mazzanti, Fabbri (Fano), Del Fabbro, Gerometta, Don, De Agostini A., Berlasso (Friulpesca L.), Rinaldi, Scriva, Aleandro (Mare di Roma), Polastri (Milano), Catalin (Patavium), Rosa, Capriotti, Ciarrocchi, Russo (Sambenedettese), Fruguglietti, Di Giacomo, Ventrella, Muratore S., Vampa (Vasto), Galli, Hernani (Viareggio).
Aut.: Toffolo (Casinò di Venezia pro Patavium), Cardaioli (Patavium pro Sambenedettese).

*************************

IL PROGRAMMA GARE DI LIGNANO SABBIADORO – UFFICIO 7 (Lungomare Trieste)

Giovedì 2 luglio
Milano - Patavium 3-1
Cavalieri del Mare – Sambenedettese 7-3
Mare di Roma – Cervia 3-8
Coil Lignano Sabbiadoro –Lemme Vasto 5-0
Casinò di Venezia – Friulpesca Lignano S. 3-6

Venerdì 3 luglio
Patavium – Agenzia Lemme Vasto 2-3
Milano – Sambenedettese 7-2
Mare di Roma – Alma Juventus Fano 9-2
Coil Lignano Sabbiadoro – Cervia 4-6
Cavalieri del Mare – Friulpesca Lignano S. 7-3

Ieri – Sabato 4 luglio
Agenzia Lemme Vasto – Sambenedettese 4-2
Patavium – Cervia 2-5
Cavalieri del Mare – Casinò di Venezia 7-1
Milano – Friulpesca Lignano S. 4-2
Coil Lignano Sabbiadoro – Alma Juv. Fano 3-1

Oggi - Domenica 5 luglio
Alma Juventus Fano – Cavalieri del Mare 6-10
Casinò di Venezia – Mare di Roma 6-2
Cervia – Milano 3-4
Sambenedettese – Patavium 6-2
Friulpesca Lignano S. – Coil Lignano S. 3-0

Classifica Girone Nord: Milano 21, Cervia e Cavalieri del Mare Viareggio 15, Coil Lignano Sabbiadoro 14, Casinò di Venezia 9, Friulpesca Lignano Sabbiadoro 8, Sambenedettese e Agenzia Lemme Vasto 6, Patavium, Alma Juventus Fano e Mare di Roma 3.

Fonte: 
Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160