Beach Soccer: Milano domina la tappa di Bibione

La Serie A Enel saluta Bibione tra gli applausi del numeroso pubblico dell’Agos Beach Stadium.

 Le oltre 4 mila presenze che hanno animato l’ultima giornata di gare del lungo week-end di gare del girone Nord (il prossimo fine settimana il girone Sud esordisce a Battipaglia) hanno fatto da splendida cornice ad un evento che dal punto di vista tecnico-agonistico non ha rivali al mondo. Quello del campionato italiano di beach soccer promosso dalla Figc-Lega Nazionale Dilettanti però non è un addio, è solo un arrivederci al prossimo anno quando si tornerà in questa splendida cittadina per dar vita ad un’altra emozionante tappa del tour 2010.
La formazione di casa, il Casinò di Venezia, ha chiuso la quattro giorni di gare (poi diventata tre giorni a causa del maltempo che ha costretto al rinvio delle gare programmate sabato 20 giugno) con due importanti successi. L’ultimo proprio oggi contro l’Alma Juventus Fano nell’ultimo incontro in calendario che le ha permesso di posizionarsi al secondo posto insieme al Cervia dei campioni brasiliani. I punti di forza dei lagunari, nonostante i marchigiani non abbiano disputato una delle loro migliori partita, sono stati Cesca e capitan Toffolo, autori di cinque reti. Il big-match dell’ultima giornata di gare a Bibione però è stato Cervia-Cavalieri del Mare Viareggio, entrambe accreditate dei favori del pronostico in ottica qualificazione alla poule scudetto. Al termine di una gara tanto spettacolare quanto intensa dal punto di vista agonistico ha avuto la meglio il Cervia di mister Sabalino che può vantare uno degli attacchi più prolifici grazie alla coppia delle meraviglie brasiliana Juninho-Ddì (11 reti in due). I romagnoli sono stati sempre al comando ed hanno risposto colpo su colpo alle sfuriate dei toscani che hanno dimostrato come al solito, nonostante alcuni passaggi a vuoto, di essere una delle formazioni da battere. Ciò che ha positivamente sorpreso, infatti, è stata le tenuta difensiva dei cervesi che, grazie a Livon e Della Torre, hanno eretto un muro praticamente invalicabile. Grazie alla vittoria contro l’Agenzia Lemme Vasto, Milano è volata in testa alla classifica a punteggio pieno. Tre partite giocate e tre successi con una dimostrazione di forza notevole, tenuto conto anche del fatto che quella vista sulla sabbia di Bibione non è il miglior Milano possibile; molte sono ancora le potenzialità da esprimere, soprattutto per quanto riguarda l’amalgama tra i giocatori migliori. Amarelle e Bruno però bastano al team di Panizza per superare i vastesi, nonostante lo show dell’abruzzese Triglione (tripletta) che insieme al portiere Cianci sono risultati tra i migliori campo.
Mare di Roma non è riuscita nemmeno al terzo tentativo a conquistare i primi punti di questa stagione contro una Friulpesca che si è meritata tutti i complimenti del caso nella gara che li ha visti contrapposti ai capitolini. Rispetto all’inizio dello scorso anno (7 vittorie in altrettanti incontri), i capitolini sono partiti con il freno a mano tirato, complice anche il difficile calendario (Milano e Coil Lignano Sabbiadoro), ma oggi non hanno scusanti perché, a parte alcuni tiri sfortunati, non sono sembrati mai in grado di piegare la giovane formazione friulana. Nonostante le prestazioni di immenso Javier Torres (7 reti complessive) e Lazlo Szucs, portiere della nazionale ungherese che ben sta facendo da quando ha esordito in Italia, la squadra di mister De Celis resta inchiodata all’ultimo posto in classifica. Tra le fila della Friulpesca da sottolineare le ottime giocate della punta Ietri che ha ben impressionato per l’intera durata del lungo week-end di partite. Nel primo incontro della giornata, la Coil Lignano Sabbiadoro ha superato la Sambenedettese che, prima di cedere il passo ai friulani, ha giocato un’ottima prova, dimostrando di aver già superato le difficoltà legate all’esordio in un campionato tanto competitivo come la Serie A Enel. La squadra di Della Negra si è esibita in una rimonta difficile anche per le pressioni psicologiche cui è stata sottoposta: la gara contro i marchigiani, dopo la sconfitta al debutto giovedì scorso, serviva per incamerare già punti decisivi in ottica qualificazione alla poule scudetto di metà agosto. E così è stato, anche grazie alla prova superlativa di Max “bomber” Esposito (ex Lazio, Napoli e Ternana), ma il percorso per arrivarci è stato più difficile del previsto a causa delle prestazioni di livello sfoderate dai rossoblu Ruspantini e Poli.
La prima tappa di quello che si appresta ad essere un campionato di beach soccer davvero avvincente è stata realizzata grazie al contributo del Comune di San Michele al Tagliamento e delle aziende sponsor che animano il villaggio adiacente all’Agos Beach Stadium: Enel, Agos, LG, Buonitalia, E-Work, MSC, Pai, Kenwood, Pepsi, Dolomia, Punto Sma, Diana T, Delta, Top Secret, Timex, Italtelo, Lipton, Gatorade, Corriere dello Sport, Tuttosport, Molten, Radio Kiss Kiss e Sky Sport. Così in tv – Le partite della tappa di Bibione della Serie A Enel saranno trasmesse da Sky Sport 1 sabato 1 luglio alle ore 20.

Le gare

Alma Juvetus Fano – Casinò di Venezia 2-6 (0-1, 1-3, 1-2)
Alma Juventus Fano: Piccillo, Vampa, Fabbri, Maltoni, Ciavaglia, Pirani, Mazzanti, Patrignani, Donini, Fiorelli. All. Patrignani.
Casinò di Venezia: Gatto, Gambin, Ruzzene, Medaglia, Caorlini, Toffolo, Cesca, Parolari, Montrone, Malossi. All. Collauto.
Arbitri: Sammarco di Paola e Buscema di Udine.
Marcatori: nel pt 10’ Montrone (V), nel st 7’ Toffolo (V), 9’ e 10’ Cesca (V), 11’ Donini (F), nel tt 4’ Fabbri (F), 10’ e 11’ Toffolo (V).
Note: Ammoniti: Ciavaglia (F), Toffolo (V).
L’inizio del match è una lunga fase di studio dove i marchigiani hanno maggiormente il controllo del gioco, pur senza trovare la via della porta avversaria con la giusta incisività. All’8’ però l’estremo difensore lagunare, Gatto, si esibisce in una parata d’istinto su tiro di Donini dal limite, salvando il risultato di parità. Poi esce dal guscio il Casinò di Venezia che passa in vantaggio con Montrone a 2’ dal termine della seconda prima frazione. Nella ripresa i lagunari sembrano riuscire a domare gli avversari, tanto da segnare il raddoppio su calcio di punizione a giro di destra di Toffolo dalla trequarti quando il cronometro segna il 7’. Due minuti dopo Massimo Cesca infila la porta avversaria con un missile terra-aria che s’infila sotto la traversa su calcio da fermo. Ancora il numero otto arancioneroverde in gol al 10’ quando gli basta appoggiare all’altezza della linea di porta un pallone che attraversa tutto lo specchio e lo raggiunge indisturbato fin sul secondo palo. Prima della sirena il marchigiano Donini buca le mani all’estremo difensore avversario su calcio di punizione da centrocampo, siglando la prima rete per il team allenato da Patrignani. Al 4’ dell’ultima frazione il Fano si scuote grazie al colpo di testa millimetrico di Fabbri che supera Gatto colpendo all’altezza del secondo palo su cross dalla destra. La cinquina dei veneti la cala capitan Toffolo al 10’ che sorprende la retroguardia avversaria, prima di siglare di testa anche la sesta rete 1’ più tardi.

*************************

Cervia – Cavalieri del Mare Viareggio 5-3 (3-1, 1-2, 1-0)
Cervia: Pagani, Rindone, Staffa, Soria, Livon, Juninho, Nuemann, Ddì, Papale, Della Torre. All. Sabalino.
Cavalieri del Mare: Samsa, Leghissa, Galli, Hernani, Alan, Madjer, Marinai, Carotenuto, Belchior, Merola. All. Fruzzetti.
Arbitri: Caruso di Lanciano e Castaldi di Termoli.
Marcatori: nel pt 2’ e 7’ Ddì (C), 10’ Alan (V), 11’ Juninho (C), nel st 1’ Madjer (V), 5’ Soria (C), 9’ Alan (V), nel tt 2’ Ddì.
Note: Ammoniti: Belchior, Alan (V).
La prima azione dell’incontro è di marca viareggina con il portoghese Belchior che calcia dalla destra, supera Della Torre, ma sulla linea trova Livon che interviene miracolosamente di piede, negandogli la gioia del gol. Al 2’ passano però i romagnoli con una magia del brasiliano Ddì che riceve palla sul sinistro, se la porta sull’altro piede e pesca l’incrocio dei pali alla sinistra di Samsa. La reazione dei Cavalieri del Mare passa per il potente sinistro della stella lusitana Madjer che obbliga alla respinta miracolosa con i piedi il portiere avversario. Il Cervia però non si scompone e quando il cronometro segna5’ al termine della prima frazione Ddì in mezza girata al volo spedisce in rete un corner battuto alla perfezione dal connazionale Juninho. I toscani al 9’ provano ad accorciare con il bomber azzurro Carotenuto, entrato in staffetta con Belchior, che calcia su punizione dal limite della propria area impegnando severamente Della Torre che respinge con i pugni. Al 10’ Alan dimostra di essere quel gran giocatore che in effetti è e si inventa un gol magnifico: ruba palla a Juninho in un contrasto, avanza lungo l’out di destra, si alza il pallone e trafigge l’estremo difensore cervese con un lob millimetrico che s’infila sotto la traversa. Cervia ristabilisce le distanze 1’ dopo con un siluro di Juninho su calcio da fermo che supera un non impeccabile Samsa. Nell’azione susseguente Alan di presenta davanti a Della Torre, ma angola troppo la conclusione colpendo il palo. In apertura di secondo tempo i Cavalieri del Mare accorciano le distanze con un’azione tutta di marca portoghese finalizzata da Madjer di testa (Belchior imposta, Alan confeziona un assist delizioso). Ancora Belchior al 2’ che di punta mira il palo alla destra di Pagani, ma il portiere cervese ci arriva con la punta delle dita e riesce a deviare in angolo. Al 4’ Livon sfiora la segnatura con un piatto destro a cercare l’angolino che esce di un soffio. Ancora il Cervia al 5’ con Giuseppe Soria, aggregatosi al gruppo nella notte conclusa la sua avventura stagionale nel calcio a 11, che trova il varco giusto con un tiro da fuori area. Il botta e risposta continua al 9’ con uno scatenato Alan che su calcio da fermo piega le mani al portiere cervese, colpevole di essere stato forse poco deciso in questo intervento. L’ultima frazione si apre con una rete di rapina del solito Ddì che s’infila tra Madjer ed il neo entrato Merola e sigla la sua terza rete personale. Incredibile occasione sciupata all’8’ dai Cavalieri del Mare Viareggio che prima con Madjer su punizione, poi con Carotenuto, con un tiro da distanza ravvicinata, non riescono a piegare la difesa attenta di Della Torre.

*************************

Agenzia Lemme Vasto - Milano 3-7 (0-2, 1-3, 2-2)
Lemme Vasto: Cianci, Turdò, Fruguglietti, Napolitano, Muratore, Del Bonifro, Pomponio, Triglione, Sputore. All. Manes.
Milano: Rasulo, Zanini, Bruno, Benjamin, Nico, Biasini, Ahmed, Amarelle, Ghilardi, Fumagalli. All. Panizza.
Arbitri: Ferrara di Reggio Calabria e Viola di Ciampino.
Marcatori: nel pt 4’ Fumagalli (M), 5’ Amarelle (M), nel st 8’ Bruno (M), 11’ Amarelle (M), 11’ Ahmed (M), 12’ Triglione (V), nel tt 3’ Bruno (M), 3’ Triglione (V), 9’ Bruno (M), 10’ Triglione (V).
Note: Espulso: 4’ st Ghilardi per fallo di reazione. Ammoniti: Del Bonifro, Muratore (V).
Partenza lanciata del Milano che, solo nel 1’, va vicina alla prima segnatura per ben tre volte con Bruno (parata di Cianci), Amarelle (mezza girata al volo di poco fuori) e Bejamin (deviazione in angolo dell’estremo difensore abruzzese). Spettacolo al 3’ con il solito formidabile Amarelle, capitano della nazionale spagnola, che riceve da Bruno e di prima calcia in porta dove c’è Cianci attento alla respinta in tuffo. La rete del vantaggio rossonero però è matura ed arriva puntuale al 4’ con un siluro dalla destra di Fumagalli che non lascia scampo al portiere avversario. Dopo un solo giro d’orologio Milano raddoppia con un calcio di punizione millimetrico di Amarelle, poi inizia ad uscire dal guscio l’Agenzia Lemme Vasto che arriva alla conclusione per ben due volte con Del Bonifro e Triglione entrambe senza fortuna. Ad inizio ripresa Cianci si esibisce in altre due parate spettacolari, poi ci pensa Bejamin a sciupare un’occasione clamorosa su punizione dal limite al 3’. Un minuto dopo Milano si complica le cose da sola, quando Ghilardi viene espulso per fallo di reazione, lasciando i compagni in quattro per 2’. Nonostante l’inferiorità numerica la premiata coppia carioca Benjamin-Bruno confeziona un’azione pericolosa che rischia di portare al tris rossonero. Al 6’ ci prova Muratore su punizione, la palla supera Rasulo grazie ad un rimbalzo imprevisto, ma sulla linea salva Fumagalli di testa. Sull’altra versante Nico spara un missile nella porta vastese ed obbliga al miracolo Cianci per impedire che la sua porta capitoli per la terza volta. Eppure il gol milanese non tarda ad arrivare con una manovra sublime: Amarelle largo sulla destra, lancia dalla parte opposta il compagno di nazionale Nico che, invece di tirare in porta, appoggia al centro per Bruno con un tocco morbido, mettendo nelle migliori condizioni l’asso brasiliano nel concludere di testa. Al 10’ Milano sfiora la quarta segnatura con capitan Ahmed che angola troppo un colpo di testa solitario su assist dalla trequarti di Nico. Passa qualche secondo ed Amarelle trova il varco giusto con il suo sinistro fatato sugli sviluppi di un corner battuto proprio dal collega spagnolo. La cinquina rossonera la serve proprio Ahmed che stavolta aggiusta la mira centrando la porta vastese a Cinanci battuto. Prima della sirena l’abruzzese Triglione pesca l’incrocio dei pali su calcio da fermo, realizzando la prima rete dell’Agenzia Lemme. Al 3’ dell’ultima frazione il solito Bruno mette a segno la sesta rete rossonera con una punizione potente e precisa da metà campo. Risponde subito Triglione che arpiona in mezza girata un corner basso battuto dalla destra, sorprendendo il neo-entrato Zanini. Ancora il numero otto vastese protagonista al 5’, stavolta in negativo, perché spedisce a lato il penalty che poteva valere la terza segnatura abruzzese. Al 9’ Bruno realizza la sua terza rete personale e lancia i rossoneri da soli in testa alla classifica con tre vittorie in altrettante partite. Ininfluente la terza rete vastese, ancora a firma di Triglione.

*************************

Friulpesca Lignano Sabbiadoro – Mare di Roma 2-1 (0-1, 1-0, 1-0)
Friulpesca L.: De Agostini C., De Agostini A., Contento, Don, Rodriguez, Berlasso, Baroni, Ietri, Braida, Marcuzzi. All. Del Fabbro.
Mare di Roma: Szucs, Quadrini Ma., Caretto, Scriva, Quadrini Mi., Torres J., Tamagnini, Conversano, Rinaldi, Sabatino. All. De Celis.
Arbitri: Crispino di Catanzaro e Cazzadore di Adria.
Marcatori: nel pt 4’ J. Torres (M), nel st 6’ De Agostini A. (F) nel tt 3’ Baroni (F).
Davanti al pubblico delle grandi occasioni Mare di Roma inizia a tamburo battente l’incontro che la vede contrapposta alla Friulpesca Lignano Sabbiadoro e al 4’ arriva già il primo gol con il solito Javier Torres, oggi orfano del fratello Cristian squalificato. Il suo tiro s’infila sotto l’incrocio dei pali della porta difesa da De Agostini, bravo nell’opporsi subito dopo a due conclusioni ravvicinate degli avanti capitolini (Sabatino e ancora Torres). La Friulpesca risponde con un’acrobazia di Ietri, giovane rivelazione di questo inizio di stagione, respinta dal sempre attento Szucs. Prima della fine del tempo c’è spazio anche per due legni colpiti da Don e Baroni che negano la gioia del pareggio agli uomini di Del Fabbro. La ripresa si apre con missile dalla sinistra del romano Scriva parata in due tempi dal neo entrato Contento. Il pareggio dei friulani però non tarda ad arrivare, visto che al 6’ Andrea De Agostini fa da solo venti metri di campo e poi lascia partire un sinistro in diagonale dal limite che supera l’estremo difensore capitolino. Un minuto dopo Sabatino sciupa la palla del possibile 2-1, vanificando dal limite dell’area la possibilità per il nuovo vantaggio romano. Al 2’ dell’ultima frazione Ietri da solo davanti a Szucs si fa parare dal portiere avversario un tiro a botta sicura e nel capovolgimento di fronte lo imita Cesare De Agostini che si oppone alla grande a Sabatino. Mare di Roma ancora vicina alla segnatura con Javier Torres che colpisce il palo su punizione al 3’, poi però capitolo 10’’ dopo con Baroni che s’inventa un colpo di genio per il suo primo gol nel match. La Friulpesca gioca in scioltezza e, non paga del vantaggio, si rende ancora pericolosa al 6’ con Marcuzzi che scaglia in porta un bolide respinto con qualche difficoltà da Szucs. All’8’ la sfortuna si accanisce contro i giocatori romani che sciupano un’altra ghiotta occasione con Javier Torres che calcia su punizione a botta sicura, ma una cunetta di sabbia alza il pallone sopra la traversa ad un metro dalla linea.

*************************

Sambenedettese – Coil Lignano Sabbiadoro 3-5 (1-0, 1-1, 1-4)
Sambenedettese: Ruspantini, Marranconi, Bocchino, De Amicis, Poli, Russo, Rosa, Cardinali, Spina. All. Di Lorenzo.
Coil Lignano Sabbiadoro: Fabro, Torres, Sguazzin, Buso, Dri, Sousa, Ze Maria, Panfili, Del Mestre. All. Della Negra.
Arbitri: D’Attanasio di Lanciano e Pungitore di Reggio Calabria.
Marcatori: nel pt 3’ Poli (S), nel st 9’ Cardinali (S), 11’ Sguazzin (C), nel tt 1’ Torres (C), 1’ Poli (S), 2’ Sguazzin (C), 3’ e 12’ Esposito (C).
Note: Espulso: Poli al 12’ tt per fallo da dietro.
Nemmeno il tempo di iniziare che la Coil sfiora il gol con una conclusione al volo di Sguazzin servito lungo l’out di sinistra da Esposito. Risponde Poli al 3’ con una rovesciata che esce di poco, ma qualche secondo dopo, lo stesso numero 7 marchigiano aggiusta la mira e dalla sinistra trafigge Del Mestre. Nel frattempo Ze Maria si esibisce in un’acrobazia molto applaudita, ma sfortunata. I friulani si riversano in avanti e Torres al 4’ colpisce una traversa, poi inizia una fase di gioco contraddistinta da continue accelerazioni che non modificano però l’equilibrio sostanziale di questo primo incontro della giornata. L’occasione più ghiotta capita alla Coil con Panfili a fil di sirena, ma il suo colpo di testa esce di poco alto sopra la traversa della porta difesa da Ruspantini. La ripresa si apre con un tiro di Ciarrocchi da fuori area deviato in angolo da Fabro con la punta delle dita. La Coil risponde con bomber Esposito che al 2’ si coordina al limite dell’area e colpisce il palo in rovesciata. A metà tempo si esalta il portiere marchigiano, rispondendo da campione prima su Esposito, poi su Ze Maria, in entrambi i casi sfoderando una grande coordinazione abbinata ad un ottimo istinto. Quando meno te lo aspetti la Sambenedettese, che sembrava soffrire la maggiore pressione del Lignano Sabbiadoro, mette a segno una zampata importante grazie al gol di Cardinali che porta avanti di due reti il team di Di Lorenzo. Prima della fine della seconda frazione l’azzurro Sguazzin s’inventa una traiettoria impeccabile su calcio di punizione dalla propria metà campo, superando il portiere avversario e regalando alla sua squadra la prima dell’incontro. Ad inizio terzo tempo un siluro di Torres vale il gol del pareggio per la Coil, al quale risponde con una magia di Poli direttamente da calcio d’avvio. Al 2’ sempre Sguazzin si guadagna un calcio di rigore che non sbaglia e riporta ancora una volta i suoi sul risultato di parità (3-3). La Coil mette a segno il gol del vantaggio poco dopo grazie ad un’azione caparbia di Esposito che costringe all’errore Ciarrocchi e poi trafigge Ruspantini con un pallonetto. Al 10’ la Coil non sfrutta a dovere il penalty fischiato per fallo ai danni di Ze Maria (eccezionale la parata dell’estremo difensore rossoblu) e per incamerare i tre punti devono soffrire fino a 24’’ dal termine, quando bomber Esposito spinge in rete da distanza ravvicinata un pallone vagante in area.

*************************
Classifica marcatori
8 reti: Ddì (Cervia);
7 reti: Cesca (Casinò di Venezia), J. Torres (Mare di Roma);
6 reti: Bruno (Milano);
5 reti: Toffolo (Casinò di Venezia), Maltoni (Fano), Benjamin (Milano), Triglione (Vasto);
4 reti: Ietri (Friulpesca L.), Amarelle (Milano), Alan (Viareggio);
3 reti: Ballarin (Casinò di Venezia), Juninho (Cervia), Sousa, Sguazzin, Esposito, Torres (Coil Lignano S.), Donini (Fano), Ahmed (Milano), Cardinali, Poli (Sambenedettese), Madjer (Viareggio);
2 reti: Ruzzene, Parolari (Casinò di Venezia), Baroni (Friulpesca L.), C. Torres (Mare di Roma), Fumagalli (Milano), Gaggio, Romrig, Covi, Masiero (Patavium), Muratore, Pomponio (Vasto), Belchior (Viareggio);
1 rete: Caorlini, Montrone, Fabbri (Casinò di Venezia), Soria, Di Marco (Cervia), Panfili (Coil Lignano S.), Giuliani (Fano), Gerometta, De Agostini A., Marcuzzi, Berlasso (Friulpesca L.), Rinaldi, Sabatino (Mare di Roma), Nico, Casarsa (Milano), Ciarrocchi (Sambenedettese), Fruguglietti, Vampa (Vasto), Leghissa, Hernani (Viareggio).
Aut.: Toffolo (Casinò di Venezia pro Patavium).

*************************
Il programma gare della Tappa di Bibione (Agos Beach Stadium – piazzale Zenith)

Giovedì 18 giugno
Alma Juventus Fano – Agenzia Lemme Vasto 5-4
Cavalieri del Mare – Coil Lignano Sabbiadoro 7-4
Mare di Roma – Milano 6-10
Friulpesca Lignano S. – Sambenedettese 2-3
Casinò di Venezia – Patavium 10-5

Venerdì 19 giugno
Sambenedettese – Cervia 1-8
Agenzia Lemme Vasto – Friulpesca Lignano S. 4-6 dts
Coil Lignano Sabbiadoro – Mare di Roma 6-5 dtr
Patavium – Alma Juventus Fano 4-3
Milano – Casinò di Venezia 6-5

Sabato 20 giugno – intero programma rinviato a data da destinare
Alma Juventus Fano - Milano
Cervia – Agenzia Lemme Vasto
Mare di Roma – Cavalieri del Mare
Friulpesca Lignano S. – Patavium
Casinò di Venezia – Coil Lignano Sabbiadoro

Oggi - 21 giugno
Sambenedettese – Coil Lignano Sabbiadoro 3-5
Friulpesca Lignano S. – Mare di Roma 2-1
Agenzia Lemme Vasto – Milano 3-7
Cervia – Cavalieri del Mare 5-3
Alma Juventus Fano – Casinò di Venezia 2-6

Classifica Girone Nord: Milano 9, Cervia e Casinò di Venezia 6, Coil Lignano Sabbiadoro e Friulpesca Lignano Sabbiadoro 5, Patavium, Cavalieri del Mare Viareggio, Sambenedettese e Alma Juventus Fano 3, Mare di Roma e Agenzia Lemme Vasto 0.

nella foto: la gioia di Juninho e Ddì del Cervia.

Fonte: 

LND

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160