Allegri: «Milan, undici vittorie per lo scudetto»

in

CARNAGO (VARESE), 31 gennaio - Non ha alcuna intenzione di lasciare punti per strada il Milan che domani sera riceve al Meazza la Lazio nella seconda tappa di una settimana che Massimiliano Allegri aveva definito determinante per mantenere a distanza tutte le inseguitrici. «Ci mancano undici vittorie per arrivare a 80 punti che, secondo me, significano scudetto. Tutti gli altri, per fare meglio, ne devono vincere 13 su 16». Per Allegri questa non è una 'tabella' ma una semplice 'evidenza aritmetica'.


MERCATO - Il mercato rossonero ha condotto intanto a Milanello anche il difensore centrale Nicola Legrottaglie. È l'ultimo tassello di un mercato che Allegri ha valutato da 9. «Quello dell'Inter non mi interessa, il nostro è praticamente perfetto». Il centrale difensivo proveniente dalla Juventus non è stato una sorpresa per l'allenatore: «Ne avevamo parlato - dice Allegri - la società è stata pronta all'esigenza di far fronte agli infortuni di Zambrotta, Nesta e Abate e mi ha messo a disposizione un giocatore di esperienza che ci darà una mano e ci farà comodo».


LA LAZIO - Contro la Lazio, che Allegri ritiene una squadra che attraversa un buon momento, «che possiede notevoli valori tecnici, che ha una difesa organizzata ed è brava nelle ripartenze», occorrerà disputare una partita «sveglia, perchè loro - sostiene il tecnico - hanno l'abitudine di addormentare un po' il gioco». La formazione è ancora in alto mare. Allegri deciderà dopo l'allenamento pomeridiano. Sicuramente ci sarà Ibrahimovic, mentre c'è un ballottaggio tra Cassano e Pato per giocare dal primo minuto, mentre Thiago Silva dovrebbe potrebbe ancora essere impiegato come centrocampista. Di Ibrahimovic, Allegri ha detto: «Secondo me sta giocando la migliore stagione della sua carriera, non solo per i gol e per gli assist ma per l'intensità e la continuità di prestazione».

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160